“Con i piedi fortemente poggiati sulle nuvole”

Un'opera di H.H. LimEsposizione organizzata da Parallelo 42 Contemporary Art, in collaborazione con il Museo Michetti di Francavilla al Mare (fino al 20 febbraio 2016). Protagonisti con le loro opere cinque “sognatori inarrestabili” provenienti da Italia, Cina e Turchia

 

Pensiero visivo che sorvola il luogo comune, che bypassa i sentieri paludosi di una società dell’uguale, l’arte è luogo di risveglio, sentiero la cui potenza evoca chiarezza, profondità, senso di appartenenza ad un’idea comportamentale altamente esposta al sogno delle potenzialità umane, dove la perennità di valori acquisiti nel passato si proiettano nel futuro con un potenziale che dice più di quanto esprime.
Ad un uguale privo di fantasia l’arte risponde, da sempre, con l’impegno di rigenerare un percorso alternativo, di mortificare le ripetizioni aride del quotidiano e di pungere lo sguardo dello spettatore con lo spillo della creatività, di una atmosfera che condanna la sterile malizia, che spinge oltre i bordi della seduzione vuota e frivola, oltre ogni conciliazione o legittimazione con lo stato delle cose.

L’arte risponde infatti a una esigenza che spazza via il disegno di una umanità totalmente condizionata e pianificata (Adorno) dalle oscenità della commercializzazione e asseconda il sogno di un risveglio costruttivo, portando l’uomo verso il recupero della propria coscienza e della propria individualità.
Seguendo questo quadro critico, “Con i piedi fortemente poggiati sulle nuvole /With his feet resting heavily on Clouds”, evento organizzato da Parallelo 42 Contemporary Art, in collaborazione con il Museo Michetti di Francavilla al Mare (e che si inserisce nell’ambito del progetto Arte&Gusto), propone l’atteggiamento di una squadra di artisti – Burçak Bingöl, Fabrizio Cotognini, H.H. Lim, Enrico Pulsoni e Aslı Sinman Kutluay – il cui modo di procedere è basato sulla meraviglia, sul desiderio di lottare contro la mancanza di entusiasmo, di appassionare lo spettatore per portarlo in un luogo ospitale, la cui ospitalità offre e garantisce anticorpi utili a leggere il mondo in cui sono costretti a vivere.

Dopo un primo appuntamento denominato DO UT DES (durante il quale cinque artisti sono stati invitati in una residenza settimanale a riflettere sull’Abruzzo, sui suoi luoghi e sulla sua storia), questo nuovo incontro che si terrà negli spazi del Museo Michetti di Francavilla al Mare (in provincia di Pescara dall’11 novembre 2015 al 20 febbraio 2016), mira a creare un secondo percorso estetico che unisce Italia, Cina e Turchia mediante una serie di sognatori inarrestabili – e «sognatore è un uomo con i piedi fortemente appoggiati sulle nuvole» ha suggerito Ennio Flaiano nel suo Diario degli errori (1976) – che si svincolano dalla seduzione del male e mettono in campo una potente operazione archeologica, alla ricerca di quanto è sepolto e dimenticato dalla società dei consumi, per illuminare e foraggiare il senso della verità totale in un presente che offre problemi tutt’altro che risolti.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi