Breve storia del mio silenzio

Nel libro di Giuseppe Lupo, edito da Marsilio, non solo vicende e sentimenti autobiografici

Un silenzio attento a ogni suono, immagine e parola in esso contenuta. Il silenzio è la fuga che attua il protagonista dell’ultimo romanzo autobiografico di Giuseppe Lupo quando, a quattro anni, smette di essere figlio unico e di parlare.

Anni Sessanta. Il bambino, figlio di due maestri legati a doppio filo dall’amore per l’insegnamento e dal «fare scuola per sostenere le impalcature del mondo», viva ad Atella, un piccolo paese della Lucania.

Ma le parole che rifiuta da piccolo, da adulto non smettono di affascinarlo tanto da spingerlo prima a laurearsi in Lettere alla Cattolica di Milano, poi a diventare scrittore.

Il mondo visto attraverso gli occhi di un bambino che, via via, diventa grande inseguendo il suo sogno come un predestinato, immergendosi continuamente nelle parole e nelle storie per dimenticare ansie e paure, per sentirsi eternamente unico.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi