Metti una sera a cena

NICOLA SANTINIIl Garden party è, tra le soluzioni di primavera, una delle mie preferite nell’arte del ricevere

 

Non parlerò di come si riceve in giardino nella classica serata dove si sceglie di mangiare all’aperto, perché per questo ci tocca aspettare ancora qualche mese, ma proprio di quelle prime occasioni in cui è d’obbligo una copertina sulla sedia e un golf ancora caldo, che diventano irrinunciabili nelle ore calde e soleggiate di mattine e pomeriggi primaverili. Momenti diurni che quando il sole è quello estivo, obbligano a stare all’ombra e non sono la stessa cosa.

Un garden party primaverile ha una sua grammatica. Ci si possono godere ancora le zuppe calde di verdura, e il gioco è quello di preparare quei menu che riscaldano, a compensare la non ancora totalmente mite temperatura.
Cosa mi piace mangiare? Secondo me un garden party deve essere un po‘ un inno a Madre Natura, quindi i menu vegetariani sono quelli che prediligo: non è un pic nic, non è un barbecue, è la festa del giardino e magari dell’orto. Amo le verdure gratinate, che si fanno velocemente, mettendo i pezzetti di vari ortaggi in una pirofila con qualche fiocco di burro, del parmigiano con magari pecorino grattugiato insieme e, per chi vuole gusti più decisi, anche qualche fiocco di gorgonzola o fontina stagionata. A me piacciono bianche ma anche al pomodoro.

Un’alternativa golosa alla parmigiana di melanzane? Quella di indivia: sbollentate le foglie di insalata belga in acqua bollente con un pizzico di sale, asciugatele, mettetele su una pirofila con un filo d’olio, qualche cucchiaio di passata di pomodoro, pezzetti di mozzarella, origano se vi piace, stratificando per almeno 4 volte. L’ultimo strato potrebbe avere parmigiano e peperoncino. In forno a 180 gradi per 30 minuti sono facili e buonissime. Cosa vi suggeriscono queste ricette? Un segreto per i padroni di casa: godetevela. Sono tutti piatti che sono addirittura più buoni se fatti il giorno prima e riscaldati poco prima di servirli, approfittatene per godervi la compagnia degli ospiti.

Da bere? Aperitivo con succo di pomodoro e crudités varie, succhi di frutta. E per dessert, macedonia calda: la classica macedonia fatta leggermente scaldare in forno sulla quale far sciogliere magari del cioccolato o del caramello caldo. Per me è autentica goduria.

Please follow and like us:
Facebook
Twitter
YouTube
Pinterest
LinkedIn
Instagram

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi