HeartSwitch, il cuore fa muovere il mondo

Premio Action Crowd e Web per l’innovazione, ideata da Clemente Cipresso e Arturo Verde, che migliora la qualità della vita di quanti hanno disabilità motorie attraverso la bio-domotica 

Partiamo dalla buona idea: chi sono i destinatari, quali le applicazioni e quali i mercati?
HeartSwitch è stato pensato per aiutare persone con disabilità motorie o pazienti allettati che hanno difficoltà a compiere le più comuni azioni quotidiane, offrendo per la prima volta la possibilità automatizzare la casa al verificarsi di determinati eventi cardiaci. La soluzione si va a inserire all’interno di un segmento di mercato che prevede da un lato dispositivi wearable e, dall’altro, quello della domotica, aprendo la strada alla cosiddetta Bio-domotica assistenziale.

Avete ricevuto manifestazioni di interesse da parte di investitori italiani e/o stranieri?
Sì, abbiamo generato attrattiva per investitori sia italiani che esteri. Particolarmente inatteso è stato l’interesse da parte del primo Ministro degli Emirati Arabi Mohammed Bin Rashid in occasione del World Government Summit. Stiamo stati inoltre ospiti ad Helsinki in occasione del Biohacker Summit 2017, mentre in Italia siamo risultati vincitori del Premio Gaetano Marzotto il quale potrebbe concederci un micro-seed nel corso del 2018.

Nel vostro caso l’innovazione è nata dal tentare nuove strade o dall’aver migliorato l’esistente?
Abbiamo utilizzato tecnologie già esistenti e messo insieme le nostre conoscenze per modificarne la destinazione finale. Tutto ciò sta contribuendo alla creazione di nuovi mercati.

Cambiamento, creatività, rischio: quali di queste parole riconosce come sua attitudine?
Sicuramente il Cambiamento. Nell’immaginare il nostro progetto abbiamo più volte previsto un sostanziale miglioramento delle condizioni di vita dei nostri utenti finali.

Il futuro per HeartSwitch è…
Cercare di prevedere il futuro attraverso le forze che trainano il cambiamento e tutte le possibili sfumature. La Bio-domotica rappresenterà una svolta nelle nostre abitudini.

 

HeartSwitch, come funziona 

HeartSwitch è l’innovativo concept di cardio-domotica che permette di gestire le apparecchiature elettriche mediante segnali elettrici provenienti dal cuore. A idearlo, Arturo Verde e Clemente Cipresso, che spiegano così la forza del progetto: «Per una fascia di popolazione può essere faticoso compiere agevolmente molte banali azioni. Il nostro obiettivo è di aiutarle a soddisfare i loro bisogni tramite l’innovativo principio della Bio-domotica, ovvero intervenire su aspetti biologici del corpo umano per migliorare la qualità della vita».
Il prototipo, grazie a una serie di sensori inerziali e ottici, permette di acquisire la lettura del battito cardiaco con un’accuratezza molto elevata, generando successivamente dei particolari segnali di input. Quando questi rientrano all’interno di una gamma di frequenze definite dall’utente, una app elabora il segnale che sarà inviato ad un dispositivo attuatore WiFi in grado di gestire l’alimentazione di specifici dispositivi o prese elettriche, come accendere la luce, attivare una caffettiera, regolare il riscaldamento o aprire le tapparelle al risveglio.

È inoltre già in corso di sviluppo un sistema di auto-miglioramento dell’algoritmo attraverso il protocollo Blockchain.

Please follow and like us:
Facebook
Google+
http://www.costozero.it/heartswitch-cuore-muovere-mondo/
Twitter
Share
YouTube
Pinterest
LinkedIn
Instagram

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi