sceltaTra tassi, surroghe e rinegoziazioni è possibile – documentandosi – effettuare scelte vantaggiose e consapevoli

 

L’acquisto di una casa? Passa sempre più spesso dalla richiesta di un mutuo. A sostenerlo, l’indagine condotta dal Crif che ha evidenziato un picco delle richieste dei mutui e delle surroghe in questi primi mesi del 2017, pari al +1,8% e allo +0,9%, se si confrontano i dati di febbraio a quelli di gennaio. Questo, in altre parole, significa che gli italiani dedicano sempre più attenzione alla richiesta dei mutui: un’operazione che ovviamente presuppone una completa conoscenza di questo argomento. 

Vediamo dunque come acquistare una casa scegliendo il mutuo perfetto per le vostre esigenze, imparando a muovervi fra tassi, surroghe e rinegoziazioni.

Come scegliere il mutuo: tasso fisso, variabile o misto?
Quando si valuta un mutuo, uno degli aspetti più importanti riguarda il tasso, ovvero la quota percentuale degli interessi che dovranno essere aggiunti al pagamento delle rate del mutuo all’istituto di credito mutuante.
Da questo punto di vista, quale tipologia conviene maggiormente?
Il tasso fisso è meno elastico ma garantisce il blocco della percentuale di interessi, dunque la certezza di dover pagare sempre un tot.
Il tasso variabile, invece, potrebbe convenire per approfittare delle variazioni del mercato immobiliare, ma espone anche al rischio di variazioni negative, che potrebbero aumentarlo.
Infine, il tasso misto: una soluzione ottimale per unire i vantaggi di entrambi i tassi, dato che suddivide gli interessi in una parte variabile e in una fissa.

Si può sempre cambiare: lo garantisce la Legge Bersani
Grazie alla Legge Bersani, è sempre possibile cambiare le condizioni mutuali fissate in un primo momento con l’istituto di credito mutuante. Il tutto è possibile grazie a un’operazione nota come rinegoziazione, che vi permette di modificare le condizioni del mutuo in base all’andamento del mercato, e dunque di strappare tassi d’interesse migliori.
Da questo punto di vista è bene distinguere la surroga, che prevede l’estinzione del debito e l’immediata apertura di un mutuo più conveniente presso un’altra banca, e la vera e propria rinegoziazione del mutuo, che rappresenta una possibilità particolarmente vantaggiosa per un mutuatario di qualità.

Quali tassi riscuotono il maggior successo in Italia?
Secondo una ricerca condotta nel mercato dei mutui nel nostro Paese, i cittadini italiani dimostrano di avere una certa preferenza per determinate tipologie di mutuo. Secondo l’analisi, infatti, emerge che il tasso fisso guida ancora questa speciale classifica, ma con una netta perdita di punti percentuali nei confronti del tasso variabile, soprattutto durante questi primi mesi del 2017, che hanno segnato una buona crescita del mercato. Infine, da sottolineare anche il successo dei mutui a tasso misto e delle rinegoziazioni, sempre utili per non rinunciare alla sicurezza di un interesse fisso e per non chiudere la porta delle oscillazioni, siano esse positive o negative.